La sfida editoriale di Reality Book si può sintetizzare nell'idea di "emozione del reale". Secondo noi, niente è più suggestivo della realtà e la cosa più corretta da fare è dialogare con il lettore presentandogli dati veri e raccontandogli cose vere. Sarà lui a mettere assieme i nostri materiali e le sue idee e a farne l'uso che vorrà.

copertina

L'Istoria de Roma in dialetto Romanesco

Autore/i Pierluigi Maria Cartoni
ISBN " id="9788895284774
Anno di pubblicazione 2018
Pagine 88
Formato 13 x 20
Prezzo € 9,00
Collana Racconti

acquista questo libro

Quarta di copertina
L’Istoria de Roma è il racconto, romanzato satiricamente in rima, in dialetto Romanesco, di quello che accadde, secondo la leggenda, prima della nascita della Città Eterna. Larento, l’usurpazione di Amulio, il rifiuto di Rea Silvia, obbligata Vestale, ma lasciva con Marte, e la nascita dei gemelli. L’Ira di Amulio, la condanna a morte, il servitore che li salvò. E la lupa, Faustolo, il pastore, sua moglie Acca Larenzia, che li presero con loro e li accudirono fino alla loro maggiore età. Infine il ritorno nella loro città, il reintegro di Numitore sul trono, ed il mortale bisticcio per la nascita della nuova città, che fu Roma. Nel solco della tradizione che parte da Zanazzo Belli e Trilussa, Giggi Cartoni, in arte Er Salustro, racconta in versi la nascita di Roma, unendo tradizione e modernità in un mix di straordinaria efficacia narrativa.

Autore/i
Pierluigi Maria Cartoni − Er Salustro è un moderno Carneade, uno studioso di Roma. Questo traspare non solo dalle rime, ma dal modo di vivere il quotidiano. Poeta, sportivo, libertino, studioso, scrittore, stornellatore. Qual è la parte migliore? Romano da 12 generazioni, discendente del grande Trilussa, cantastorie, giullare, trasformista. Chi lo conosce sa di poterlo incontrare ovunque, tra Roma e dintorni, vestito da Giulio Cesare o da Publio Ovidio Nasone, da Conte Flavio Orsini, o da cantastorie medievale o addirittura brigante del 1700. Oppure lo può incontrare casualmente a leggere i suoi brani, in uno dei tanti Poetry Slam della Capitale, in camicia e calzoni.

Note
Il volume è arricchito dal saluto all’Autore di Alfiero Alfieri, considerato il maggior esponente in vita della commedia Romanesca.

Nelle quartine del poema troviamo il Cartoni-Salustro studioso. Ne sono una testimonianza i continui riferimenti a terminologie risalenti ad una Romanità di almeno un secolo fa, vera, schietta.
I dialoghi sono decisamente veraci, popolari, tipici. Forse forti. Ma sempre chiaramente provenienti da un qualcosa che è esistito, che si è tramandato, e che in alcuni casi ancora persiste all’usura del tempo.

Ricerca