La sfida editoriale di Reality Book si può sintetizzare nell'idea di "emozione del reale". Secondo noi, niente è più suggestivo della realtà e la cosa più corretta da fare è dialogare con il lettore presentandogli dati veri e raccontandogli cose vere. Sarà lui a mettere assieme i nostri materiali e le sue idee e a farne l'uso che vorrà.

copertina

Radicale perché

Autore/i Sergio Stanzani
ISBN 978-88-95284-31-6
Anno di pubblicazione 2014
Pagine 136
Formato 14 x 21
Prezzo € 12,00
Collana Controluce

acquista questo libro

Quarta di copertina
“Ha fatto, mo’ben, mille e una cosa, tutte importanti, Sergio Stanzani, che è anche Augusto Ghedini, uno e quadruplo come solo lui sa essere, con i suoi oltre 90 secoli di vita. E quando sospirate perché brontola, dice che non si ricorda e s’incazza con se stesso perché – dice lui – vorrebbe ma non può, e figuriamoci se potesse che cosa sarebbe capace di volere. Quando insomma vi sembra pesante, noioso, fastidioso, irritante, molesto e molto altro: ebbene sappiate che non è colpa dei secoli che si porta sul groppone, lui è sempre stato così, dalla nascita”. Questo scriveva Valter Vecellio, curatore di questo volume, nel settembre 2012. Questo libro è nato per essere il regalo di Valter a Sergio, in occasione del suo novantesimo compleanno, il 1° marzo 2013. E così è stato. Il 17 ottobre 2013 Sergio se ne è andato, lasciando per sempre la “sua” stanza negli uffici del Partito Radicale a Roma, in via di Torre Argentina. Ma lasciando anche una traccia indelebile del suo agire politico, impregnato di una passione e di una onestà intellettuale oggi rarissima, nella asfittica vita politica attuale, tutta media e social network. A un anno dalla scomparsa il volume intende ricordarlo. In questa raccolta di scritti il meglio della militanza radicale di Stanzani è stato raccolto con la cura che solo un vero amico come Valter Vecellio poteva mettere. Interventi parlamentari, relazioni a convegni, discorsi a congressi radicali, scritti. Lungo un arco di tempo smisurato, dal 1959 al 2012. Il tempo in cui Sergio Stanzani ha dedicato la sua vita alla causa della democrazia e delle libertà individuali, in Italia e nel mondo.

Autore/i
Sergio Stanzani − (Bologna 1 marzo 1923 – Roma 17 ottobre 2013), ingegnere, militante e dirigente del Partito Radicale. Prese parte alla Resistenza. Dirigente Finmeccanica dagli anni sessanta, è stato membro del Partito Liberale Italiano, dal quale si dimise per fondare il Partito Radicale, di cui ha supervisionato la stesura dello Statuto (1967). Eletto al Senato nel 1979, ha fatto parte della Commissione Inquirente. Nel 1983 e nel 1987 è stato eletto alla Camera (membro della Commissione Parlamentare di Vigilanza per i Servizi Radiotelevisivi). Nel gennaio del 1988 è stato eletto segretario del Partito Radicale, e poi confermato fino al 1993, curandone lo sviluppo transnazionale. Nel 1994 è stato rieletto in Senato. Dal 1997 è stato presidente dell’associazione radicale Non C'è Pace Senza Giustizia, costituita nel 1994 con l’obiettivo dell’istituzione della Corte Penale Internazionale contro i genocidi, i crimini di guerra e i crimini contro l'umanità. Dal 2002 è stato presidente del Partito Radicale Transnazionale, carica che ha ricoperto fino alla morte.

Note
Sottotitolo: "Raccolta di scritti e interventi".
Il volume è curato da Valter Vecellio, giornalista (caporedattore del Tg2 Rai), da molti anni militante e dirigente del Partito Radicale.



Ricerca